Tutti a casa entro le 22.00. Il nuovo decreto Covid non ha cambiato le regole sul cosiddetto ‘coprifuoco’.

Sino al 31 luglio prossimo, anche in zona gialla ristoranti e pub potranno servire ai tavoli sino alle 22.00, ma solo in teoria, perché la clientela, dovendo far rientro a casa, difficilmente si attarderà dopo le 21.30, naturalmente sempre che il locale sia vicino casa.

Le pressioni dei partiti non sono riuscite a spostare la linea del Governo, che per ora è improntata alla ‘cautela’, raccomandata dal CTS (il comitato tecnico scientifico). Potrebbe esserci un ripensamento, ed uno spostamento dell’orario alle 23.00, essendovi tra gli stessi ministri orientamenti diversi. Sull’argomento si sono espresse pure le Regioni e a tal proposito i presidente della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga, propone al Governo l’ampliamento  di un’ ora.

I presidenti delle categorie del turismo Confturismo- Confcommercio Taranto (Fipe Bar e Ristoranti, Federalberghi, Ospitalità extra alberghiera, Confguide, SIB- Sindacato Balneari e SILB-Sindacato Locali da ballo ed intrattenimento) chiedono di allentare la serrata notturna, valutando che l’orario della chiusura dal punto epidemiologico non sia determinante e non incida sulla diffusione del virus. Sarà invece fondamentale che vengano rispettate le disposizioni anti contagio e che i comportamenti siano improntati alla massima correttezza, a prescindere dall’orario di sospensione delle attività.

Sarebbe opportuno che il Governo valutasse le conseguenze negative che tale decisione  comporterà  per la ripartenza  delle attività del turismo, soprattutto in regioni come la Puglia, dove – come è ben noto- il clima estivo  non consente uscite serali prima delle 20.30/21.00, e dove ci si attarda al mare sino alle 19.00. In Puglia l’uscita serale, da giugno ad agosto, rappresenta anche un’occasione per la ricerca di refrigerio al termine di giornate contrassegnate dall’afa estiva. Il limite delle 22.00, potrebbe scoraggiare il turista- temono gli operatori del ricettivo- dalla decisione di prenotare una vacanza in Puglia, preferendo    Spagna e  Grecia, dove le restrizioni sono meno stringenti.   La possibilità che il Governo nelle prossime settimane torni sui suoi passi, inciderà comunque sull’andamento delle prenotazioni. Confturismo Taranto invita  la Regione Puglia a farsi parte attiva presso  il Governo nella richiesta di  rivedere da subito tale  decisione.     Si rischia di soffocare sul nascere, questa nuova opportunità di ripresa per le attività del turismo.